Palazzo Rospigliosi (Via XXIV Maggio, 43) è situato nel cuore del centro storico di Roma, a due passi dal Quirinale.

La costruzione, voluta nel 1611 dal cardinale Scipione Borghese, nipote di papa Paolo V, come grande dimora della famiglia, fu edificata dagli architetti Carlo Maderno e Giovanni Vasanzio, proprio accanto alla residenza papale del Palazzo del Quirinale.

Le decorazioni interne furono curate da Guido Reni, Paoul Bril, Orazio Gentileschi ed altri celebri artisti del ’600.

Ancora oggi, al suo interno, sono conservate due splendide gallerie d’arte private che accolgono opere di Botticelli, Signorelli, Carracci e Guercino. 

Il Palazzo, nel corso dei secoli, ha avuto diversi proprietari: i Borghese, il Cardinale Guido Bentivoglio, il Cardinale Mazarino, fino a che nel 1704 fu acquistato da Giovanni Battista Rospigliosi, nipote di papa Clemente IX, e da sua moglie, la principessa Maria Camilla Pallavicini, e divenne l’abitazione della famiglia Rospigliosi Pallavicini. Oggi il nucleo principale domina il giardino centrale, dove svetta la loggia-belvedere, mentre sul retro gli edifici costruiti nella prima metà dell’800 creano una piacevole atmosfera, con una serie di piccoli cortili, uniti tra loro da suggestivi passaggi. L’antico ninfeo nel “giardino segreto”, arricchito da statue d’epoca, chiude la prospettiva del “porticato nobile”.

Uno degli edifici costruiti nella metà dell’800 ospita il Centro Congressi Palazzo Rospigliosi, che è stata la location di Bancassicurazione 2018.